Simone Origone – pronto a battere un altro Record

115
SImone Origone e Agenzia Perdonà

Quando Studio Aperto ha dedicato un servizio al nostro amico e campione di sci, Simone Origone, noi di Agenzia Perdonà ne eravamo entusiasti. Ci siamo condivisi il video tramite WhatsApp e abbiamo deciso di scriverne un articolo. Un nuovo racconto per omaggiare uno tra gli sportivi italiani più premiati di sempre nello sci di velocità. Ben 13 coppe del mondo vinte, tre record del mondo, il più alto di 252, 987 Km/h, e nessuna voglia di appendere gli sci al chiodo. A 42 anni, l’energia non manca e nemmeno la voglia di infrangere un altro limite nel prossimo mondiale, nel 2023.

simone origone_servizio Studio Aperto

È un racconto genuino, proprio com’è Simone che nell’intervista in TV si mette “a nudo”, racconta degli anni che passano e di un ritiro che, fortunatamente, è solo un evento lontano, come il sole dietro le montagne innevate. C’è ancora tempo per fare la differenza, c’è ancora tempo per battere ancora i propri limiti.

Le sfide, l’infortunio che ne ha messo a rischio la carriera, la ripresa, la rinascita… Ciò che amiamo di Simone è che siamo fatti della stessa pasta. La perseveranza, la costanza anche con “condizioni metereologiche avverse” ma soprattutto l’umiltà, una vera maestra di vita, sia sugli sci che nel lavoro di tutti i giorni. La stessa che ha permesso a Simone di insegnare la passione degli sci al fratello Ivan Origone, di otto anni più giovane, e festeggiare con lui quando, nel 2016, ha superato il maestro totalizzando il nuovo primato mondiale di velocità 254,9 Km/h.

Due anni fa, Simone è stato ospite del nostro incontro annuale d’Agenzia insieme ai fornitori, presso il Byblos Art Hotel Villa Amistà. In quel momento, è nata la voglia di sostenerlo nel suo percorso come sponsor. Da quel giorno, il nostro Guizzy – la mascotte chiacchierona della nostra Agenzia – è diventata ospite fissa sul casco fiammante di Origone. Un modo per tifare per lui e portare i nostri valori in alta montagna. Grazie, Simone, per aver confermato che gentilezza, simpatia e fiducia sono i fili più preziosi della stoffa del campione.